whoever said money doesn't buy happiness obviously didn't know where to shop!

sabato 9 aprile 2011

BRAVA A LETTO

"Cannie Shapiro ha 28 anni. È carina, spiritosa e ha tanti amici. Cannie è sensuale, rotonda, formosa. La cosa non la turba più di tanto almeno fino al giorno in cui il quasi-ex-fidanzato, Bruce, giornalista per una popolare rivista di moda, non dedica alle sue rotondità un pezzo dal titolo: "Brava a letto. Amare una donna abbondante". Cannie è sconvolta, tanto più che Bruce rivela di considerare difinitivamente chiusa la loro relazione. Lo shock proietta Cannie in una dimensione fatta di dolore e insicurezza, ironia e incontri improbabili."

Questo libro è stato una sorpresa: all’inizio brutta ma poi bella. Quando l’ho comprato in libreria mi aspettavo una storia completamente diversa da quella che poi si è rivelata essere… in realtà non lo so nemmeno io che tipo di storia mi aspettavo. Trattandosi del genere chic-lit pensavo di imbattermi in un’avventura alla Sex & The City, piena di incontri casuali, scandali, amori piccanti,… Ed invece nella prima parte del libro ho fatto la conoscenza di Cannie Shapiro, una giornalista che dopo aver scoperto che il suo ex scrive una rubrica su una nota rivista rivelando dettagli (anche piccanti) sulla loro storia cade praticamente in un baratro, …si pente di averlo lasciato e per le successive 200 pagine non fa altro che piangersi addosso sperando che lui possa tornare da lei. Come sfondo di tutta la vicenda c’è la continua lotta di Cannie con il suo peso corporeo che la porta a provare diete e programmi dimagranti vari. La prima metà del libro non mi è piaciuta, leggere di questa ragazza che si dispera e si dispera per il suo ex è un po’ pesante e noioso. Ma poi….poi la storia inizia a prendere una piega interessante perché accadono tutta una seria di cose (che non rivelo per non rovinarvi la sorpresa) che non ti aspetti ed allora ti inizi ad appassionare alle vicende di Carrie, ti ritrovi a tifare per lei, a sorridere per le sue conquiste ed a provare tristezza per i suoi periodi brutti. L’autrice è riuscita a coinvolgermi (nonostante un inizio molto lento) e per questo il mio giudizio su questo libro è positivo… anzi, vi dirò di più, forse in futuro leggerò gli altri libri di Jennifer Weiner!

1 commento:

  1. Io l'ho sempre visto in libreria ma non l'ho mai acquistato.

    RispondiElimina