whoever said money doesn't buy happiness obviously didn't know where to shop!

martedì 27 luglio 2010

LONDON SUPER HAUL!!!

Ciao Girls!!! Come state?! Io sto benissimo, la vacanza a Londra è stata strepitosa!!! Ho visitato un sacco di posti da brava turista e fatto un sacco di shopping da vera shopaholic!!! Tra i miei acquisti ci sono stati molti vestiti ed accessori di marche che quì in Italia non si trovano come Jane Norman, Dorothy Perkins, Juicy Couture, ecc ecc... ma ovviamente una grossa somma di sterline è stata destinata all'acquisto di cosmetici!!!
Vi faccio vedere quello che ho comprato andando per marca:
Da Laura Mercier ho preso:
-la famigerata Tinted Moisturizer nel colore Nude;
-la Perfecting Hydrating Water (è un' "acqua" che sovra-idrata la pelle permettendo alla crema idratante che si mette in seguito di penetrare negli strati più profondi dell'epidermide).
Dalla Urban Decay ho comprato:
-la Eyeshadow Primer Potion....ehhh sì credo di essere l'unica che non ce l'avesse ancora!
-le matite per occhi della linea 24/7 nei colori (partendo da sinistra): Lucky, Backed, Oil Slick, Zero, Ransom.
Dalla Benefit ho preso:
-due blush nei colori (da sinistra): Coralista e Hoola;
-tre Creamless Eyeshadow nei colori (da sinistra): Stiletto, Strut e RSVP.
Dalla Nars ho preso (partendo dall'alto):
-due blush nei colori (da sinistra): Madly e la famigerata Orgasm;
-la Multiple nel colore Copacabana;
-due ombretti nei colori (da sinistra): Odine e Ashes To Ashes;
-un lipsloss nel colore Turkish Delight.
Dalla MAC ho preso (partendo dall'alto):
-pennello 217 e pennello 227;
-crema idratante Strobe
-fondotinta Studio Fix Plus nel colore NW30....evviva finalmente so il mio colore MAC!!!!
-palette x 15 e 7 ombretti nei colori (da sinistra in alto andando in giù): Naked Lunch, Expensive Pink (come posso non averlo???!!!), Sushi Flower, Stars&Rockets, Humid, Fresh Water, Print;
-un Lipglass nel colore Florabundance;
-un Cremesheen nel colore Double Dare;
-tre Paintpot nei colori: Coral Crepe, Indianwood e Blackground;
-due rossetti nei colori: Viva Glam Lady Gaga e Creme 'DNude;
-matita per occhi Smoulder.
Da Illamasqua ho preso:
-un blush nel colore Excite.
Della Philosophy ho preso:
-crema idratante Hope In A Jar.
Ed infine alla Dutyfree dell'aeroporto di Stansted ho preso:
-il profumo NYC di Sarah Jessica Parker;
-il set Advance Night Repair della Estee Lauder.
Che dite, ho scelto bene???!!! Sono davvero contenta dei miei acquisti e non vedo l'ora di iniziare ad usarli e metterli alla prova. Se volete delle review di qualche prodotto specifico o info in generale fatemi sapere!!!

domenica 18 luglio 2010

“GET THE LONDON LOOK”!!!

Ciao fabulous people! Ho pensato di rendervi partecipi di una delle cose che adoro più fare: preparare la valigia!!! Domani parto per Londra (per l’ennesima volta!) ed oggi sono di ‘preparazione borsa’.

Siccome ho intenzione di fare dello shopping sfrenato J ho deciso di partire con la valigia quasi vuota e di mettere tutti i miei vestiti nel mio bagaglio a mano. A tal proposito userò la mia amatissima Balenciaga work che normalmente uso per lavoro, ma che torna utilissimo per viaggiare. Ve la faccio vedere:

….è la mia pride and glory!!! Pensate che nonostante ci abbia messo 1 jeans, 1 pantalone, 4 magliette ed intimi vari…c’è ancora spazio per molto altro!

Comunque scopo del presente blogpost è quello di farvi vedere i trucchi che porterò con me. Scegliere è stata un’impresa ardua perchè non volevo occupare tanto spazio portando una marea di makeup, ma allo stesso tempo volevo portare i prodotti giusti per avere sempre un maquillage impeccabile!

La prima cosa basilare che ho messo in pocchette è stato il mio fondotinta superbalance di Clinique ed il pennello 182 della mac che uso per l’applicazione:

Sempre per il viso ho aggiungo il moisturizing bronzer di Chanel e come highlighter il shimmer powder di Dior color amber diamond che applico con il pennello 116 della Mac (che ho dimenticato di inserire nella foto):
Per gli occhi ho deciso di portare: come base il painterly paintpot della Mac, il mistic eyeshadow quad di Chanel, la matita nera con sfumino di Giorgio Armani ed i pennelli ss139 e ss124 della Sigma per applicare gli ombretti:
Ed infine ho aggiunto il mascara extase di Dior ed il rossetto rouge voluptè #2 della YSL:
Ed ecco il risultato finale:

….che dite va bene?! Della sere 'intelligent packing'!!!

Colgo l’occasione per dirvi che questa settimana ovviamente non riuscirò a pubblicare blogpost,…lo so lo so che sarà difficile per voi stare senza di me L e che piangerete tutti i giorni fino al mio ritorno….lo so, ma voi siete forti e sopravviverete!!! Scherzo hihihihi!!! Comunque quando torno prevedo un megagalattico haul, e non so perché ma sento che ci saranno un sacco di trucchi, quindi girls preparatevi!!!

Bye bye!!!!!!!!

sabato 17 luglio 2010

Saturday haul #2

Ciao fabulous people!!! Come state?! Iniziate le vacanze??! Io sono in ferie da oggi per mia grandissima gioia :) e quale modo migliore per iniziare le ferie se non un pomeriggio di shopping???!!! Certo con questo caldo non è stato piacevolissimo, ma lo shopping è lo shopping e va sempre fatto bene e con impegno!!! Giusto?!
Anche questa volta sono stata brava ed il bancomat ha sofferto poco... ed un motivo c'è ma lo scoprirete nel prossimo blogpost!. Vi faccio vedere cosa ho comprato, scusandomi per la pessima qualità della foto scatta col mio iphone di notte:
Quella specie di cosa marrone che trovate sullo sfondo è il mio patetico tentativo di fotografare tutte le cose che ho comprato insieme: missione chiaramente fallita!!! Trattasi una maglietta marrone/bronzo con le maniche a puffo ed i bordi arricciati. Adoro questo modello di top perchè è ottima per nascondere la pancetta senza sembrare una mongolfiera!
Poi, partendo da sinistra, abbiamo:
- salviettine struccanti L'Oreal;
- smalto Deborah rosa mat;
- smalto Deborah rosso;
- docciaschiuma Vidal al "gusto" talco;
- pocchettina pink 1°Classe di Alviero Martini;
- crema corpo Vidal al "gusto" mango&pesca.
...e per finire ci sarebbe anche il regalo di compleanno per mio fratello (che spero non legga questo post altrimenti addio sorpresa!): la sacca del Milan,....ehhh lo so se dipendeva da me avrei optato per tutt'altra squadra, ma ogni tanto occorre sacrificarsi XD
Alla prossima!!! xxx

mercoledì 14 luglio 2010

BLOGTAG: CURIOSITA’ LETTERARIE

Ciao Girls! Ed anche Boys và visto che l’argomento è per tutti ;)

Qualche settimana fa ho avuto la piacevole sorpresa di trovare dei canali su youtube di persone che parlano di libri. Mi sono davvero entusiasmata a vedere recensioni e video sulle letture del mese, che bellissima idea!!! Ad onor di cronaca questi video vanno in giro da un bel pò ma io li ho scovati per caso solo da poco,...oh meglio tardi che mai!

Tra i diversi canali a cui mi sono iscritta ce ne una che mi piace particolarmente che è quello di LadyMija, una ragazza che oltre ad assere simpaticissima è anche una accanita lettrice. Dopo averle chiesto dei consigli di lettura, le ho posto alcune domande riguardanti delle curiosità che avevo sulla sua passione per la lettura, e domanda dopo domanda ne è nato un Tag. Su youtube il videotag si chiama “Indiscrete domande letterarie” e ci sono già molte persone che hanno partecipato. Ehhhhh devo ammettere che vedere le mie domande girare per youtube mi fa un bel effetto, anzi mi gasa proprio!!! Alle mie domande sono state poi aggiunte delle altre da parte di LadyMija e Goddessinspired.

Ora ho deciso di portare il tag sul mio blog, e se su youtube si chiama ‘videotag’ sul blog lo chiamo ‘blogtag’.....ehhh sì sì la mia fantasia è commovente lo so!

Iniziamo:

1) come scegli i libri da leggere? ti fai influenzare dalle recensioni?

Nel 90% dei casi prima di comprare un libro mi documento, e sì mi lascio molto influenzare dalle recensioni.

2) dove compri i libri: in libreria o online?

Allora qualche anno fa mi ero fissasta a leggere libri in inglese (sono di madrelingua inglese) e quindi gioco forza acquistavo i libri online (sul sito IBS) in quanto la scelta dei libri inglesi in libreria era, ed è tuttora, davvero limitata. Dopo qualche mese la fissa mi era passata perchè mi ero resa conto che acquistare libri online era....noioso. Io penso che tutto il processo dell’andare in libreria, gironzolare tra gli scaffali, toccare i libri, sfogliarne le pagine, sentirne l’odore, fare la fila alla cassa, ecc faccia parte integrante del nostro amore per la lettura. Se togli questa parte, non dico che la passione per i libri svanisce (non saremmo dei veri lettori!), ma ne viene meno una parte importante.

3) aspetti di finire la lettura di un libro prima di acquistarne un altro oppure hai una scorta?

Fino a qualche anno fa sì aspettavo. Col tempo però il mio irrefrenabile impulso all’acquisto mi spingeva a leggere i libri in fretta così da poterne comprare un altro. Così facendo la lettura era sempre una corsa, non mi godevo mai a pieno la storia perchè pensavo solo a terminare il libro,...per poter andare in libreria e comprare un altro! Definirlo ‘circolo vizioso’ è dire poco!!! E così ho deciso che non era poi così grave acquistare libri anche se ne stai già leggendo un’altro, fa parte anche questo dell’amore per la lettura. Conclusione: ho una scorta interminabile.

4) di solito quando leggi?

Normalmente, durante la pausa pranzo e la sera. Dico ‘normalmente’ perchè in questi giorni sono in una situazione ‘anormale’ (colleghi in ferie = poco lavoro) che mi permette di leggere praticamente tutto il giorno. Un lusso!!! Peccato che finirà a breve... L

5) ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro?

Al contrario della stragrande maggioranza di lettori che hanno risposto in coro ‘no’, io invece rispondo ‘nì’. Di solito la mia comfort zone è di circa 500-600 pagine. Quando il numero di pagine inizia ad essere 800, 900, 1000 pagine bè io personalmente ci refletto un pò sù prima di comprarlo. Io parto da un concetto di base: la storia. Se la trama mi piace e mi appassiona allora il numero delle pagine non mi interessa affatto. Il problema sorge quando la storia non mi convince al 100%, quando ho dei dubbi, quando le recensioni sono contrastanti, ecco che allora il numero di pagine potrebbe influenzarmi.

6) genere preferito?

Urban fantasy, gotico, romanzi storici, gialli medievali. In generale leggo qualsiasi cosa, ad eccezione dei libri che trattano di politica, cronaca nera, fantascienza, biografie.

7) hai un autore preferito?

Non ho un autore preferito. Ci sono autori di cui ho letto più libri come la Meyer, Libba Bray, Martin Millar, Lisa Jane Smith, ecc e quindi nel momento in cui esce un loro libro è quasi certo che lo leggerò. ‘Quasi’ perchè non è scontato che io legga tutto incondizionatamente di questi autori, vedi La Seconda Breve Vita Di Bree Tanner della Meyer non l’ho letto e forse mai lo farò perchè trovo che sia una storia banale. Diciamo che ho una serie di autori che mi piacciono.

8) quando è iniziata la tua passione per la lettura?

Anche a questa domanda la maggioranza di lettori ha dato una risposta unanime: fin da bambini. Io invece ho iniziato ad amare la lettura tardi. Durante il liceo leggevo d’estate. All’università credo d’aver letto poco e niente. Direi che una volta terminati gli studi è iniziata la mia passione per la lettura.

9) presti libri?

No. Mai. Se me li chiedono metto una scusa!

10) leggi un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi insieme?

Di solito lascio un libro nella borsa da lavoro che leggo durante la pausa pranzo, e poi uno in salotto che leggo la sera.

11) i tuoi amici/famigliari leggono?

Amici pultroppo no. Famigliari pochi. E’ per questo che sono stata felice d’aver trovato i video su youtube e d’aver creato questo tag ;)

12) quanto ci metti mediamente a leggere un libro?

Dipende dal numero di pagine e da quanto sono coinvolta dalla storia.

13) quando vedi una persona che legge (ad esempio sui mezzi pubblici) ti metti immediatamente a sbirciare il titolo del suo libro?

Ehhh sì sì cerco di capire cosa sta leggando cercando di non sembrare una pazza maniaca!

14) se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvarne uno soltanto quale sarebbe?

Sinceramente non lo so... Forse Ragazze Lupo di Martin Millar, un libro che mentre lo leggevo volevo che non finisse mai.

15) perché ti piace leggere?

Secondo me quando una cosa ti piace non lo si può spiegare. E’ come spiegare il perchè ti piace la cioccolata. Piace e basta! Posso dire che mi piace leggere perchè ogni volta che apro un libro entro in un altro mondo... Ma c’è molto di più.

16) leggi libri in prestito (da amici o dalla biblioteca) o solo libri che possiedi?

Noooo io leggo solo libri MIEI che compro (rimando alla domanda 2).

17) qual è il libro che non sei mai riuscito a finire?

Pultroppo più di uno: Alla Destra Del Padre, Nodo Di Sangue, Blood Is The New Black (cioè Il Sangue Nero Del Vampiro), Il Ragazzo Giusto.

18) hai mai comprato un libro solo perché aveva una bella copertina, e cosa ti attrae nella copertina di un libro?

Comprare un libro solo per la copertina no. Leggere la trama di un libro perchè sono stata attratta da una bella copertina sì. Quello che mi attrae di un libro, e dunque della copertina, è il titolo.

19) c'è una casa editrice che ami particolarmente, e perché?

No, veramente la casa editrice è un elemento che non guardo mai.

20) porti i libri dappertutto (ad esempio in spiaggia o sui mezzi pubblici) o li tieni "al sicuro" dentro casa?

Dove vado io vanno i miei libri!

21) qual'è il libro che ti hanno regalato che hai gradito maggiormente?

Cenerentola!

22) come scegli un libro da regalare?

Non regalo libro perchè... domanda 11.

23) la tua libreria è ordinata secondo un criterio, o tieni i libri in ordine sparso?

Ordine di lettura. Poi i libri che appartengono ad una serie li metto insieme.

24) quando leggi un libro che ha delle note, le leggi o le salti?

Le leggo.

25) leggi eventuali introduzioni, prefazioni e postfazioni dei libri o le salti?

Dipende. Se l’introduzione, prefazione o postfazione riguarda direttamente la storia lo leggo.

Fine!!!

Spero che il tag sia stato interessante. Leggermente lungo ma interessante!!!

Voglio taggare tutti voi, quindi fate un bel copia-incolla e rispondete alle domande.

Alla prossima! xxx

domenica 11 luglio 2010

Saturday haul #1

Ciao girls! Non so voi, ma io se non esco il sabato a fare shopping mi sento male! Puntualmente il sabato pomeriggio mi assale una voglia incontrollabile di gironzolare per i negozi e "far prendere aria" alla mia amata carta di credito... Sì lo so, non sono normale! Credo infatti di potermi definire una Shopaholic tout court, concordate?!
Questo sabato però sono stata molto brava perchè ho fatto pochi danni. Sono andata a pranzo al McDonalds con mia sorella e ci siamo strafocate come due porcellini. Dopodiche ci siamo fatte un giro per i negozi li intorno, prima tappa Sephora. Ogni volta che vado a Sephora mi diverte osservare la reazione delle commesse, riesco quasi a leggere i loro pensieri che dicono "ecco è arrivata la spendacciona" ed al posto degli occhi appaiono due $_$...e come darle torto!!! Sfortunatamente per loro però non ho comprato molto questa volta, uscendo con una busta piccola piccola ed uno scontrino di circa una trentina di euro. Ho visto che la Sephora ha realizzato una nuova collezione di pennelli che ho trovato molto buona e ne ho presi due: uno per gli ombretti in crema (quello viola) ed uno a lingua di gatto per sfumare (quello azzurro). Le setole sono morbidissime e mi piace molto il fatto che hanno il cappuccio di protezione. Poi ho preso la crema idratante al muschio bianco e mandorle, squisito! Finito con gli acquisti beauty sono andata in libreria ed ovviamente non potevo uscire a mani vuote. Sapevo che era appena uscito Mr Darcy-Vampyre di Amanda Grange dal fatto che veniva aggiunto nelle librerie delle persone che seguo su aNobii, quindi sono andata dritta spedita a prenderlo. Speriamo bene!
E poi basta...mi complimento con me stessa perchè da questo sabato le mie finanze sono uscite praticamente indenne!
Al prossimo haul! E buon inizio di settimana pieno di fabulosity!!! xxx

LE MIE LETTURE 2010: GIRO DI BOA

La prima metà del 2010 si è appena conclusa ed ho pensato di fare una panoramica dei libri che ho letto in questi 6 mesi.

Non ricordo esattamente quale libro stessi leggendo a gennaio (anche se sono iscritta su aNobii non metto mai la data di inizio/fine delle mie letture, mi mette l’ansia!) ma credo fosse L’Ospite di Stephenie Meyer. Vi riporto la trama:

Nel futuro la specie umana sta scomparendo. Un'altra razza, aliena, potente e intelligentissima, ha preso il sopravvento, e i pochi umani rimasti vivono raccolti in piccole comunità di fuggiaschi. Tra loro c'è Jared, l'uomo che la giovane Melanie, da poco caduta nelle mani degli "invasori", ama e non riesce a dimenticare. Neppure adesso che il suo corpo dovrebbe essere niente più di un guscio vuoto, un semplice involucro per l'anima aliena che le è stata assegnata. Perché l'identità di Melanie, i suoi ricordi, le sue emozioni e sensazioni, il desiderio di rincontrare Jared, sono ancora troppo vivi e brucianti per essere cancellati. Così l'aliena Wanda si ritrova, del tutto inaspettatamente, invasa dal più umano e sconvolgente dei sentimenti: l'amore. E, spinta da questa forza nuova e irresistibile, accetta, contro ogni regola e ogni istinto della sua specie, di mettersi in cerca di Jared. Per rimanere coinvolta, insieme a Melanie, nel triangolo amoroso più impossibile e paradossale, quello fatto di tre anime e due soli corpi.

Quando è uscito questo libro ammetto d’averlo comprato solo ed esclusivamente perché era scritto dalla Meyer,… la trama non mi ispirava per niente. Cioè… alieni???!!! Da quando io leggo libri sugli alieni???!!! Infatti L’ospite è rimasto nella mia pila di libri in standby per più di un anno!!! Alla fine dell’anno scorso ho deciso di iniziare a leggerlo, complice il desiderio di finire tutti i libri rimasti “in attesa di lettura” per poterne acquistare altri. Wow girls,…una volta iniziata la lettura mi sono lasciata trasportare dalla storia. Ho adorato i personaggi, così ben delineati, la protagonista Wanda è proprio una “persona” unica e non puoi non lasciarti coinvolgere dalle sue vicende. Insomma 600 pagine e non sentirle. Quando ho finito il libro ho pensato che la Meyer fosse proprio una brava scrittrice e sono stata contenta del fatto che abbia scritto un libro che non avesse nulla a che vedere non la sua famigerata saga. Conclusione: pollice su! Libro consigliatissimo.

Dopo L’Ospite ho pensato di leggere qualcosa di super leggero, un libro che potevo finire in pochi giorni: Maya Fox-La Predestinata. Vi riporto la trama:

Maya Fox ha scoperto di avere un potere inquietante: la capacità di dialogare con l'aldilà. Ha solo cinque giorni di tempo per imparare a conviverci. E per salvarsi la pelle. Perché un killer folle e implacabile è scappato di prigione e la cerca: la sua missione deve essere conclusa nella notte di Halloween. Di chi si può fidare Maya nella sua lotta contro il tempo? Di una medium inquietante e troppo presente? Di un oscuro professore a capo di una setta segreta? O di un ragazzo bellissimo e misterioso, che la insegue, la vuole e la respinge? Circondata dal suo gruppo di amici, da una madre distratta e impegnata e da un padre che, dall'aldilà, farà di tutto per proteggerla, Maya dovrà affrontare il suo destino. E una profezia misteriosa, che si avvererà solo nel 2012. Maya è l'unica a possedere la chiave per decifrare il mistero e salvare se stessa. E l'umanità intera. Nero come una notte senza stelle e come il trucco che incornicia lo sguardo di Maya, "La predestinata" è un libro che graffia e accarezza fino all'ultima pagina, quando la follia di un killer e la potenza dell'amore si incroceranno prepotentemente segnando per sempre il destino di Maya.

Girls su questo libro c’è poco da dire, oltre il fatto che è una vera schifezza!!! Non lo farei leggere nemmeno ad un dodicenne. Ho comprato questo libro perché ho visto che era nella libreria di diverse persone che seguo su aNobii, con giudizi abbastanza positivi. Ma lo dovevo già capire che era un libro brutto dalla reazione che ha avuto la commessa di Feltrinelli quando le ho chiesto dove fosse questo libro: mi ha guardata strana dicendomi “ma è nella sezione dei libri per ragazzi, sicura che lo vuoi?”. Dovevo rispondere no! Invece l’ho preso e mi sono pentita: la storia poteva pure valere, ma la scrittura era di una superficialità mai vista. Descrizioni zero, personaggi banali. Insomma ogni volta che aprivo il libro mi innervosivo quindi ho deciso di abbandonare la lettura. Leggere deve essere un piacere, quindi se un libro proprio non ci va giù sono dell’opinione che va chiuso e messo via. Stesso identico discorso vale per un altro libro che ho letto quest’anno e che mi ha deluso profondamente perché ne ero entusiasta, volevo che mi piacesse. Trattasi di Shiver e vi riporto la trama:

Grace e Sam non si sono mai parlati, ma da sempre si prendono cura l'una dell'altro. Non si conoscono, eppure lei rischierebbe la vita per lui, e lui per lei. Perché Grace, fin da piccola, sorveglia i lupi che vivono nel bosco dietro casa sua, e in particolare uno dotato di magnetici occhi gialli, che negli anni è diventato il suo lupo. E perché Sam da quando era un bambino vive una doppia vita: lupo d'inverno, umano d'estate. Il caldo gli regala pochi preziosissimi mesi da essere umano prima che il freddo trasformi di nuovo. Grace e Sam ancora non si conoscono, ma tutto è destinato a cambiare: un ragazzo è stato ucciso, proprio dai lupi, e nella piccola città in cui vive Grace monta il panico, e si scatena la caccia al branco. Grace corre nel bosco per salvare il suo lupo e trova un ragazzo solo, ferito, smarrito, con due magnetici occhi gialli. Non ha dubbi su chi sia, né su ciò che deve fare. Perché Grace e Sam da sempre si prendono cura l'una dell'altro, e adesso hanno una sola, breve stagione per stare insieme prima che gelo torni e si porti via Sam un'altra volta. Forse per sempre.

Al contrario di Maya Fox, però, Shiver l’ho terminato perché conservavo sempre la speranza che prima o poi sarebbe migliorato. Del resto le recensioni anche qui erano buone, moltissime ragazze erano entusiaste di questo primo libro della Stiefvater. Alla fine ho impiegato 2 mesi per leggere questo libro: sono stati 400 pagine di strazio puro! Conclusione: pollice giù per entrambi. Sconsigliatissimi.

Sapete io sono una fan dei libri che raccontano storie su vampiri, licantropi, insomma dei cosiddetti libri gotici o urban fantasy (come credo anche molte di voi), ma ho sempre più l’impressione che gli autori che trattano questo genere spesso e volentieri adottano uno stile ed un linguaggio troppo infantile: storie banali, lessico superficiale, nessun spessore. Ma perché? Perché questi libri vengono scritti solo per ragazzini? Che poi,…ammesso che un libro sia destinato ad un pubblico adolescenziale, perché non viene adottato uno stile un po’ più raffinato e ricercato? Un adolescente non ha diritto di leggere un buon libro? Magari un libro che, pur trattando un argomento fantasy, offre comunque una lettura impegnativa, con un vocabolario ricco, descrizioni ricercate e personaggi profondamente strutturati. Sbaglio? Non so voi, ma quando vado in libreria nella sezione “gothic”, mi ritrovo ad ammirare una sfilza di copertine belle, colorate, fantastiche, ma i cui libri offrono storie similari tra loro e già dalle primissime righe si capisce che non c’è una scrittura di qualità. Quindi bisogna veramente stare attenti a scegliere i libri del genere gotico/urban fantasy perché a volte si rischia di incappare in una lettura davvero sciatta.

Tornando alle letture 2010, dopo 2 libri deludenti sul fronte fantasy, mi sono detta : “sapete che c’è? Cambiamo genere và”!!! E così ho deciso di leggere qualcosa che appartenesse ad un genere che mi ha sempre appassionato, cioè i gialli medievali. E quindi ho letto Il Diavolo Nella Cattedrale di Frank Shatzing ed il nuovissimo La Biblioteca Dei Morti di Glenn Cooper di cui vi riporto le trame:

Colonia, 1260. Gerhard Morart sa bene che non potrà mai completare la costruzione della "sua" cattedrale prima di morire. Quello che non sa, purtroppo, è che la morte non tarderà ad arrivare: qualcuno infatti gli tende un agguato su un'impalcatura dell'edificio e lo fa precipitare a terra. Un delitto a sangue freddo, che tuttavia ha avuto un singolare testimone: Jacop, un ladruncolo che si trovava su un melo lì accanto, intento a rubare i frutti succosi per placare la sua eterna fame. Anziché darsela a gambe, Jacop si avvicina a Gerhard, ormai morente, che gli sussurra qualcosa all'orecchio. Così facendo, però, il ladruncolo rivela la propria presenza all'assassino, il quale si lancia in una caccia spietata per ridurlo al silenzio.
Questo romanzo comincia nel dicembre 782 in un'abbazia sull'isola di Vectis (Inghilterra), quando il piccolo Octavus, accolto dai monaci per pietà, prende una pergamena e inizia a scrivere un'interminabile serie di nomi affiancati da numeri. Un elenco enigmatico e inquietante. Questo romanzo comincia il 12 febbraio 1947, a Londra, quando Winston Churchill prende una decisione che peserà sulla sua coscienza sino alla fine dei suoi giorni. Una decisione atroce ma necessaria. Questo romanzo comincia il 10 luglio 1947, a Washington, quando Harry Truman, il presidente della prima bomba atomica, scopre un segreto che, se divulgato, scatenerebbe il panico nel mondo intero. Un segreto lontano e vicinissimo. Questo romanzo comincia il 21 maggio 2009, a New York, quando il giovane banchiere David Swisher riceve una cartolina su cui ci sono una bara e la data di quel giorno. Poco dopo, muore. E la stessa cosa succede ad altre cinque persone. Un destino crudele e imprevedibile. Questo romanzo è cominciato e forse tutti noi ci siamo dentro, anche se non lo sappiamo. Perché non esiste nulla di casuale. Perché la nostra strada è segnata. Perché il destino è scritto. Nella Biblioteca dei Morti.

Che dire girls, due veri capolavori. Non si riesce a staccare gli occhi dalle pagine, la fine di ogni capitolo finisce con una suspance tale che sei spinto irrimediabilmente ad iniziare il prossimo. L’ambientazione medievale di entrambi crea un alone di mistero e magia e le descrizioni degli eventi storici non appesantisce affatto la storia. Sia nel libro di Shatzing che in quello di Cooper la narrazione avviene da diversi personaggi: in ogni capitolo cambia il protagonista, addirittura ne La Biblioteca Dei Morti i capitoli passano da un periodo storico ad un altro, e se tutto ciò all’inizio sembra darti un senso di “smarrimento”, alla fine tutti i pezzi cadono al loro posto, offrendoti una visione poliedrica e completa degli eventi. Davvero eccezionale. Conclusione: doppio pollice in su per entrambi. Consigliatissimi.

Dopo di che ho letto Marina di Carlos Ruiz Zafon. Vi riporto la trama:

Barcellona, fine anni Settanta. Óscar Drai è un giovane studente che trascorre gli anni della sua adolescenza in un cupo collegio della città catalana. Colmo di quella dolorosa energia così tipica dell'età, fatta in parti uguali di sogno e insofferenza, Óscar ama allontanarsi non visto dalle soffocanti mura del convitto, per perdersi nel dedalo di vie, ville e palazzi di quartieri che trasudano a ogni angolo storia e mistero. In occasione di una di queste fughe il giovane si lascia rapire da una musica che lo porta fino alle finestre di una casa. All'interno, un antico grammofono suona un'ammaliante canzone per voce e pianoforte. Nel momento in cui sottrae l'oggetto e scappa, è sopraffatto da un gesto che risulta inspiegabile a lui per primo. Qualche giorno dopo tutto gli apparirà tanto chiaro quanto splendidamente misterioso. Tornando sui suoi passi per restituire il maltolto, infatti, Óscar incontra la giovane Marina e il suo enigmatico padre, il pittore Germàn. E niente per lui sarà più come prima. Il suo innato amore per il mistero si intreccerà da quel momento ai segreti inconfessabili del passato di una famiglia e di una Barcellona sempre più amata: segreti che lo spingeranno non solo alla più lunga fuga mai tentata dal detestato collegio, ma anche verso l'irrevocabile fine della sua adolescenza.

L’Ombra Del Vento (dello stesso autore) è uno dei miei libri preferiti, un libro davvero magnifico al termine del quale mi ero promessa di leggere tutti gli altri libri di Zafon. Infatti come per L’Ospite, anche Marina l’ho acquistato perché conoscevo già l’autore. E’ davvero una bella storia, con tutta quella tipica suspance, mistero ed enigmaticità che l’autore trasferisce nei suoi racconti. Però credo che con i libri di Zafon ci sia un grosso problema: il paragone con L’Ombra Del Vento! Come possiamo non paragonare ogni suo libro a quel capolavoro che è stato L’Ombra Del Vento???!!!! Impossibile non farlo! Lo so che è sbagliato perché ogni libro è una storia a sé, ma quando leggi un libro che ti è piaciuto talmente tanto, in cui ti sei immedesimata totalmente al punto che tua madre ti ha dovuto strattonare per le spalle per farti staccare gli occhi dalle pagine (fatto vero!!!!) bè allora hai sempre la speranza che tutti gli altri libri di quel autore ti diano le stesse emozioni. Non fraintendetemi, Marina è un bellissimo libro e merita d’esser letto, ma per i libri di Zafon io personalmente adotto un metro di giudizio molto “severo” perché con il suo libro di debutto (appunto L’Ombra Del Vento) ha dimostrato al mondo il suo grandissimo talento. Conclusione: pollice su. Consigliato.

Infine, qualche giorno fa ho finito di leggere Chocolat di Joanne Harris:

Siamo a Lansquenet-sous-Tannes, un villaggio al centro della Francia, dove la vita scorre placida. Un po' troppo placida: sono rimasti soprattutto gli anziani - contadini e artigiani - mentre i giovani sono partiti verso la città. È una comunità chiusa, dominata con rude benevolenza dal giovane curato Francis Reynaud. È martedì grasso - una tradizione pagana avversata dalla Chiesa - quando nel villaggio arrivano Vianne Rocher e la sua giovane figlia Anouk. La donna è assai simpatica e originale, sexy e misteriosa, forse è remissaria di potenze superiori (o magari inferiori). Vianne rileva una vecchia pasticceria, ribattezzata La Celeste Praline, che ben presto diviene agli occhi del curato - un elemento di disordine. Anche perché Vianne non frequenta la chiesa e inizia ad aiutare chi si trova in difficoltà: il solitario maestro in pensione Guillaume, l'adolescente ribelle Jeannot, la cleptomane Josephine, l'eccentrica Armande. Ben presto il tranquillo villaggio diventa più disordinato, ribelle e soprattutto felice. E lo scontro tra Benpensanti e Golosi, tra le delizie terrestri offerte da Vianne e quelle celesti promesse da padre Reynaud, tra Carnevale e Quaresima, diventa inevitabile.

Ho visto il film qualche anno fa e ricordo che mi era piaciuto molto. Il libro è altrettanto bello, la lettura è scorrevolissima e la storia molto originale. Mi sono meravigliata della Harris perché temevo di incappare in una lettura simile a Le Parole Segrete (della stessa autrice) che ho abbandonato perché semplicemente prolisso. Ricordo che mentre lo leggevo non capivo nulla della storia e tutte quelle lunghe descrizioni contribuivano ad aumentarne la confusione. Invece in Chocolat la Harris ha saputo portare avanti la storia in maniera chiara, con un giusto equilibrio tra descrizioni e vicende. Non sarà il libro dell’anno, ma penso che sia il libro ideale per chi voglia leggere qualcosa di carino e leggero. Conclusione: pollice su. Consigliato.

Questi sono i libri che ho letto nei primi 6 mesi del 2010 e nonostante un paio di libri deludenti mi sento di dare un giudizio positivo sulle mie letture. Certo non saranno molti libri, ci sono persone che riuscirebbero a leggere tutti i libri citati in un mese! Ma io ne sono contenta perché nonostante il lavoro e gli impegni vari ho saputo dedicare una buona fetta del mio tempo alla lettura. Bene!

Ora sto leggendo Uomini Che Odiano Le Donne di Stieg Larsson e I Diari Del Vampiro-Il Ritorno, e man mano che finirò di leggerli scriverò delle recensioni dedicate.

Spero che vi sia piaciuto questo blogpost.

Alla prossima! xxx

venerdì 9 luglio 2010

MAKEUP STORAGE

Hi Girls!

Allora come primo blog post (il precendente era semplicemente una introduzione quindi non conta!) pensavo di scrivere su un oggetto FANTASTICO che mi è arrivato 2 giorni fa.

Non so se qualcuna di voi segue il reality show ‘Keeping Up With The Kardashian’s’. Se siete anche voi delle fans delle Dash Dolls avrete sicuramente intravisto nel corso delle puntate la bellissima cassettiera che le ragazze usano per lo storage del loro makeup. Ogni volta che vedevo questo meraviglioso mobiletto mi dicevo: “quant’è bbbello, lo voglio anch’ioooo”!!!! Se poi aggiungiamo che come ogni Toro che si rispetti sono una super tesdarda, mi sono detta: “lo voglio, lo avrò”!!!

Mi sono informata ed ho scoperto che quella cassettiera si chiama The Clear Cube e viene prodotto nel States (ma va?!). Ho contattato la responsabile, Sylva, una persona gentilissima, e le ho chiesto se si potevano fare ordini internazionali, a quanto ammontavano le spese postali, ecc... Per farla breve, il cubo di per sè costa abbastanza ed aggiungendo le spese postali si arriva quasi al doppio del totale!

Nonostante l’importo non basso sono andata avanti con l’ordine, mi piaceva troppo.

Prima di fare l’ordine, però, avevo esigenza di modificare le dimensioni del Cubo perchè la sua altezza era superiore al posto in cui l’avrei messo. La responsabile è stata disponibilissima (grazie...a sti prezzi!) ed insieme abbiamo studiato la soluzione migliore riducendo il Cubo di un tiretto. Quindi girls sappiate che se avete intenzione di comprarlo è possibile personalizzare (nei limiti) il Cubo.

The Clear Cube viene fabbricato solo dopo che si effettua l’ordine: non c’è uno stock di Cubi già pronti per la spedizione. Per tanto una volta effettuato l’ordine passano circa 3-4 settimane prima che il Cubo venga spedito.

Detto tutto ciò, vi faccio vedere questo gioiello di cassettiera:

...che ne pensate? Non è bellissimo????!!!!!!!!!! Mi sento anch’io un pò Kardashian!!! Non so se la fotografia le rende giustizia, ma vi assicuro che è una meraviglia. E’ solida, quando apri i tiretti hai la sensazione di toccare un mobile di alta qualità. E’ pesante! Infatti vi consiglio di decidere bene il posto in cui metterlo perchè dopo non lo spostate più!!!

Il compartimento in alto è aperto ed io ci ho messo la crema idratante, i fondotinta, il kabuki, bracciali e collane varie che uso di frequente, ecc ecc...

Poi ci sono i tiretti, che ho suddivo per prodotti per il viso, per gli occhi, e gli smalti. Potrei farvi vedere nel dettaglio il contenuto di ciascun tiretto se vi fa piacere. Fatemi sapere!

Spero che questo primo post sia stato di vostro interesse! Personalmente mi sono divertita molto a scriverlo!

Alla prossima girls!!! E ricordatevi sempre: fabulosity forever!!!